Zombie Day
Questo giorno potrebbe non arrivare mai… Ma se arrivasse vorresti davvero farti trovare impreparato?
feed
by AlterEgodicembre 20, 2012 9:52 pm

Oltre ad unità di misura della lunghezza in uso presso i Greci antichi (pari a 200 metri circa), lo Stadio fu anche la più antica gara di corsa a piedi (così detta proprio perché si svolgeva sulla lunghezza di 1 Stadio).

Per questo motivo, fin dall’antichità, il concetto di “Stadio” venne velocemente associato al campo (e più in generale al complesso di impianti) dove si svolgevano corse e gare di varia natura.

In età moderna, rappresenta l’impianto stabile per gare e manifestazioni sportive all’aperto, costituito da una serie di gradinate riservate al pubblico e situate intorno alla spazio destinato alle manifestazioni (normalmente costituito da un manto erboso), sotto le quali sono ricavati:

  • spogliatoi
  • palestre
  • servizî igienici
  • uffici
  • sale di ristoro
  • depositi e altri servizî

L’idea iniziale di una struttura sufficientemente grande da accogliore migliaia di spettatori, affinchè possano assistere a spettacoli di vario genere, è valida ancora oggi; ma non tutto è rimasto come allora…

Infatti, l’assembramento in spazi ridotti di alcune migliaia di persone e la tensione agonistica derivante dalle competizioni sportive, ha comportato negli anni il verificarsi di problematiche relative all’ordine pubblico e alla sicurezza, fuori e dentro gli stadi.

La Pubblica Autorità ha così  introdotto numerose modifiche all’architettura “classica” degli stadi moderni, al fine di garantire la sicurezza e di prevenire gli episodi di violenza.

Proprio l’introduzione di queste nuove caratteristiche, unitamente all’architettura propria degli stadi, hanno reso questi edifici dei rifiugi ideali, difficilmente attaccabili e facilmente difendibili.

Chi deciderà di adibire uno stadio a proprio rifugio, riuscirà a sorvegliare il perimetro esterno con estrema semplicità, poichè tutti gli stadi del mondo sono circondati (in tutto o in parte) da grandi parcheggi dove è tecnicamente impossibile nascondersi.

Avrà poi la possibilità di posizionarsi in punti elevati conscio del fatto di essere  sempre e comunque circondato da alte e robuste cancellate e da un elevato numero di vie di fuga.

Inoltre, tutti gli stadi sono provvisti di un fondamentale elemento che li rende unici nel panorama dei possibili rifugi fino ad ora analizzati dallo Staff di Zombie-Day: un manto erboso di grandi dimensioni (per gli stadi di calcio si parla di circa 6000 metri quadrati!)

Questo dettaglio (che a qualcuno sembrerà banale) è invece d’importanza vitale!

Permette di coltivare in abbondanza beni preziosissimi come frutta e verdura e permette di farlo in tutta sicurezza, lontano dagli Zombi e lontano dagli occhi di altri sopravvissuti malintenzionati…

Tutto ciò che è stato detto vi fa capire perchè il nostro Staff ritenga lo Stadio uno dei migliori rifiugi possibili nell’eventualità dello Z-Day.

 

Lo staff di ZombieDay vuole ringraziare un nostro valido sostenitore di nome Marco, il quale ci ha contattato per illustrarci questa ottima tipologia di rifugio.

 

Fate tesoro dei nostri consigli e condivideteli con le persone a voi care.

AlterEgo

by AlterEgoluglio 11, 2012 8:38 am

Prigione, penitenziario, galera, casa circondariale, istituto di detenzione… Comunque lo si voglia chiamare, il carcere è il luogo in cui sono custoditi i condannati alla pena della reclusione o gli accusati colpiti da mandato di cattura in attesa di giudizio.

Ampiamente diffusi su tutto il territorio nazionale, questi edifici possiedono tutte le caratteristiche che lo Staff di ZombieDay ritiene essenziali per garantire la vostra incolumità in caso di Zombie Attack (vedi qui).

In Italia, nonostante il passare degli anni, l’architettura dei carceri è rimasta sostanzialmente invariata.

Sono infatti pochissime le modifiche progettuali che hanno interessato queste strutture, e nessuna di queste ha alterato gli elementi identificativi della “classica” prigione:

  • alti muri perimetrali;
  • pesanti cancellate;
  • spesse inferriate;
  • torrette di avvistamento;
  • cemento, cemento e ancora cemento!!!

Non possiamo certo affermare di essere “all’avanguardia” nel settore dell’edilizia penitenziaria; ma questo modo tradizionale di costruire i carceri presenta numerosi vantaggi, tra cui l’assoluta inespuniabilità.

Nessuna orda di zombi, per quanto numericamente elevata possa essere, potrà riuscire a superare le mura perimetrali.

Inoltre, ogni struttura penitenziaria è dotata di una serie di elementi molto importanti, tra cui:

  • un’infermeria (provvista di farmaci e tutto il necessario per il primo soccorso);
  • uno o più gruppi elettrogeni (per la produzione di corrente elettrica);
  • armi e munizioni (ben custodite ma sempre presenti per sedare le possibili rivolte);
  • una biblioteca (per sfruttare al meglio il tempo “libero”).

Quindi, sia dal punto di vista architettonico, sia dal punto di vista funzionale e organizzativo, il carcere non ha concorrenti nella corsa al rifugio ideale.

Ma non è tutto oro quello che luccica…

Infatti, una volta cominciato l’attacco zombie, non è detto che le autorità o le guardie carcerarie decidano di aprire le celle; anzi, è assai probabile che, nel tentativo di riconciliarsi al più presto con le proprie famiglie, abbandonino in tutta fretta il carcere e i condannati al loro destino.

In tal caso, è evidente che rifugiarsi in un luogo zeppo di criminali non sia l’idea più saggia…

Anche ammesso che le celle vengano aperte (per evitare ai reclusi una condanna a morte certa), non vi è certezza che i detenuti abbandonino il luogo che fino a quel momento li aveva privati della libertà; potrebbe infatti accadere che decidano di rimanervi barricati all’interno; e a quel punto, dovrete soltanto preoccuparvi di non avvicinarvi troppo!

Fate tesoro dei nostri consigli e condivideteli con le persone a voi care.

AlterEgo

 

by Boomermaggio 31, 2012 8:33 pm

 

Fucile* a canna liscia calibro 12/76 molto apprezzato dalle forze dell’ordine (polizia, esercito, reparti speciali) di ogni angolo del mondo (e per fortuna anche in Italia non è da meno!)
Infatti, il nostro fedele alleato è tutt’ora all’opera nei più prestigiosi reparti anti-terrorismo, scorta, ricognizioni speciali e pubblica sicurezza; fa parte dell’arsenale del 9º Reggimento d’assalto paracadutisti “Col Moschin” e del Gruppo di Intervento Speciale dell’arma dei Carabinieri.

 

 

Insomma basta vedere con chi “mangia” per capire di che pasta è fatto!
Parliamo innanzitutto delle principali caratteristiche che lo accomunano agli altri fucili del suo genere :
  • è un fucile a canna liscia (facile da pulire e smontare);
  • è un semi-automatico (ottimo per quei conflitti in cui ogni secondo è prezioso!);
  • è in grado di caricare cartucce calibro 12 di qualsiasi tipo.
Essendo il “12″ il calibro per fucile più diffuso al mondo (poichè viene impiegato anche per scopi sportivi e venatori), risulta estremamente semplice e facile da reperire, e ciò rappresenta indubbiamente una delle più grandi doti dell’M4.

 

 

Passiamo ora ai tutti quei pregi che lo differenziano dalla concorrenza e che lo rendono unico:
  • sistema a presa di gas (“sottrazione” per l’esattezza) prodotto e brevettato in Italia dagli abili armaioli della famiglia Benelli che hanno progettato questa “chicca” espressamente per l’utilizzo militare; il funzionamento si basa su di una tecnica rivoluzionaria di nome ‘Argo’ (Auto Regulating Gas Operated).

 

  • canna internamente cromata; la cromatura interna fa in modo che le polveri incombuste trovino difficoltà nell’otturare anche solo in minima parte la canna; questo importante dettaglio consente all’M4 di sparare consecutivamente centinaia di colpi senza necessitare di alcuna pulizia!

 

  • canna esternamente fosfatata; questo trattamento crea un rivestimento ultraresistente alla corrosione causata dagli agenti atmosferici e dal duro utilizzo in campo operativo.
Ma non è tutto!
L’innovazione tecnologica e la cura dei dettagli che da sempre identificano l’azienda di Urbino si palesa grazie alla portentosa finitura Milspec antiriflesso che è in grado di protegge dall’abrasione le superfici esterne più delicate e quelle soggette ad usura durante l’utilizzo.
Tutte queste caratteristiche consentono al Benelli M4 di ottenere strepitosi risultati, tra cui:
• pulizia in 10 minuti da effettuare ogni 500 colpi;
• 25.000 colpi sparati senza necessità di sostituire alcuna parte dell’arma.
Risultati che hanno permesso a questo straordinario fucile made in Italy di aggiudicarsi nel 1998 il bando di concorso indetto dal Centro dell’esercito statunitense per la ricerca, lo sviluppo e l’ingenierizzazione delle armi.
L’M4 ha infatti brillantemente superato i severi test militari USA riuscendo a mettere a segno il 100% dei colpi con almeno 6 pallettoni su 9 (del tipo 00 buck), di una cartuccia calibro 12, su di una sagoma a 40 metri! (Considerate che, se dotato di cartucce a palla singola, il tiro utile può raggiungere i 100m e oltre!!!).
La sua lunghezza totale misura 88–101 cm e il peso è contenuto in soli 3,82 kg.Il calcio e diversi altri dettagli sono costruiti in materiale polimerico,al fine di rendere l’M4 allo stesso tempo leggero ed estremamente resistente.La capienza del serbatoio puo’ contenere fino ad un massimo di 6 cartucce (sia normali che magnum) che, sommate alla cartuccia presente nella canna, danno un’autonomia di fuoco di 7 colpi(non è male per un fucile semiautomatico calibro 12!).

 

Il gioiello della Benelli, infine, si distingue dalla concorrenza perchè possiede un sistema di mira chiamato “Ghost Ring”interamente forgiato nell’acciaio e dotato di una precisa diottra regolabile per la deriva e l’angolo d’elevazione.
Curiosità: fuori dall’Italia questo fucile è noto con differenti nomi tra cui M1014 Combat Shotgun (FF. AA. Americane) o L128A1 (FF. AA. Inglesi).
Tutto questo ci consente di affermare con assoluta tranquillità che il Benelli M4 super 90 è certamente uno dei più formidabili deterrenti anti-zombi che possiate legalmente procurarvi!

*Ricordate: le armi da fuoco non sono giocattoli! Per maneggiarle in sicurezza è necessario possedere un’adeguata preparazione!

Lo staff di ZombieDay non si ritiene responsabile per l’uso scorretto o contrario alle norme imperative che gli utenti del Web possano fare delle informazioni contenute nel sito.

 

Fate tesoro dei nostri consigli e condivideteli con le persone a voi care.

Boomer

Translator

Italiano flagArabo flagBulgaro flagCatalano flagCinese (Semplificato) flagCroato flagCeco flagDanese flag
Olandese flagInglese flagFilippino flagFinlandese flagFrancese flagTedesco flagGreco flagEbraico flag
Hindi flagIndonesiano flagGiapponese flagCoreano flagLettone flagLituano flagNorvegese flagPolacco flag
Portoghese flagRumeno flagRusso flagSerbo flagSlovacco flagSloveno flagSpagnolo flagSvedese flag
Ucraino flagVietnamita flagAlbanese flagEstone flagGalician flagMaltese flagTailandese flagTurco flag
Ungherese flagBielorusso flagIrlandese flagIsladese flagMacede flagMalese flagPersiano flag 

Calendario Post

novembre: 2014
L M M G V S D
« dic    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Per saperne di piu’ …

Iscriviti alla nostra Newsletter !
(Non ti riempiamo di spam !)

VOTACI come "miglior sito Zombie" !

Top List Ranking





© Zombie Day 2014.