Category:Protezioni Archives - Zombie Day
Questo giorno potrebbe non arrivare mai… Ma se arrivasse vorresti davvero farti trovare impreparato?
feed
by AlterEgofebbraio 8, 2012 9:00 pm


La testa é la prima parte del vostro corpo che dovrete proteggere in caso di un attacco zombie.

Quando ci riferiamo alla testa, ovviamente, non intendiamo soltanto la calotta cranica, ma anche e soprattutto il volto, poichè è fondamentale preservare gli occhi da possibili traumi e poichè è necessario evitare in ogni modo che qualche strana sostanza possa venire a contatto con la bocca (molti agenti patogeni infettano il nostro organismo passando proprio da occhi e bocca!).

Ma andiamo con ordine…

La prima cosa da fare sarebbe quella di sfoltire abbondantemente la vostra chioma; i capelli lunghi, oltre ad offrire un facile appiglio, sono anche più difficili da mantenere puliti (ricordate: l’igiene è fondamentale!), per questo motivo sconsigliamo vivamente le capigliature da rock-star.

Non è necessario un taglio a “zero”, ma, in linea di massima, più i capelli sono corti, meglio è.

Dopo essere passati dal barbiere, dovrete occuparvi di trovare un buon casco.


Le caratteristiche che deve avere sono essenzialmente 4:

  • sufficiente resistenza;
  • minimo ingombro;
  • leggerezza;
  • comodità.

Per quanto i caschi motociclistici (o automobilistici) possano sembrare la soluzione ideale, noi li eviteremmo.

Indubbiamente dal punto di vista della solidità sono imbattibili, ma il peso (nonostante nella quasi totalità dei casi non superi i 2kg) è eccessivo per le nostre esigenze e l’ingombro è notevole.

Molto meglio (a nostro avviso) i caschi da sci, snowboard, skateboard o simili: sono leggerissimi e in grado di proteggere il vostro cranio dalla maggior parte delle offese.

Lasciate perdere gli elmetti militari (a meno che siano in abs balistico: solidi e abbastanza leggeri ma costosi) e i caschetti da cantiere: per i primi vale il discorso fatto per i caschi motociclistici; i secondi invece possono andar bene solo nel caso foste costretti a scegliere tra questi ultimi e una pentola!

Mentre scegliete il casco ricordatevi che deve avere una forma tale da consentire di indossare una maschera senza troppi problemi.

Infatti, come accennavo all’inizio, la protezione del volto è assolutamente fondamentale!





In commercio esistono maschere di tutti i tipi e per tutte le tasche; noi opteremmo per quelle specificamente progettate per gli sport del softair e del paitball, che sono capaci di offrire una protezione totale del volto e allo stesso tempo di mantenere inalterato il campo visivo (un’ottima e ampia visuale è requisito importantissimo nella scelta tanto della maschera quanto del casco).


Infine, a completare la protezione della testa, non può mancare un passamontagna (di lana o cotone in base alla stagione).




A conti fatti, riuscirete tranquillamente ad acquistare tutto il necessario spendendo meno di 100 euro.

Poca roba se pensate che può salvarvi la vita!

Fate tesoro dei nostri consigli e condivideteli con le persone a voi care.

AlterEgo

 

by AlterEgodicembre 30, 2011 1:24 pm

A partire da oggi è aperta la rubrica dedicata alle PROTEZIONI.

Successivamente a questa introduzione generale, seguiranno di settimana in settimana approfondimenti riguardo dettagli, caratteristiche, pro e contro di ogni singolo oggetto presente nella rubrica.

 

A parte il morso, nessuno può sapere con certezza in che modo il “male oscuro” possa diffondersi tra gli esseri umani.

 

Per questo motivo è necessario prevedere un abbigliamento che sia adatto ad evitare ogni possibile contatto fisico tra un individuo “sano” e uno zombie, ma non solo.

Dovendo infatti ipotizzare l’eventualità (assai probabile) di uno scontro corpo a corpo, è necessario munirsi di una serie di accorgimenti che siano in grado di aumentare la capacità di opposizione del nostro fisico alle aggressioni inflitte dagli zombi e allo stesso tempo di ridurre al minimo il rischio di lesioni accidentali.

 

Non vi consigliamo certo di indossare un armatura, ma sicuramente ci sentiremmo di consigliarvi un abbigliamento molto simile ad una tenuta antisommossa (con qualche rilevante modifica).

 

Senza un’adeguata protezione, potrebbe essere sufficiente un semplice graffio per mandare a monte le vostre speranze di sopravvivere!

Però, prima ancora di occuparci delle protezioni vere e proprie (cosa che faremo nei bollettini che seguiranno), è importante sottolineare che tutto ciò che vi mettete addosso:

  • non dovrà mai essere di alcun impedimento o intralcio ai movimenti;
  • non dovrà mai offrire un facile appiglio (l’aderenza al corpo è un requisito importantissimo);
  • non dovrà mai risultare eccessivamente elaborato da infilare o da togliere;

Dovremo quindi dirigere la nostra riflessione verso capi comodi ma resistenti agli strappi (dal classico cotone fino ad arrivare alle più moderne fibre sintetiche), possibilmente impermeabili e dai colori spenti per non dare troppo nell’occhio.

 

Va inoltre specificato che non ci sono parti del nostro corpo che non debbano essere opportunamente protette, ma ovviamente, gli arti e la testa, essendo generalmente quelle più esposte in una colluttazione, meritano una maggiore attenzione.

 

Fate tesoro dei nostri consigli e condivideteli con le persone a voi care.

 

AlterEgo



Pagine

Category

Archivi

Iscriviti alla nostra Newsletter !
(Non ti riempiamo di spam !)

VOTACI come "miglior sito Zombie" !

Top List Ranking






© Zombie Day 2017.