Siamo ancora vivi !
Questo giorno potrebbe non arrivare mai… Ma se arrivasse vorresti davvero farti trovare impreparato?
feed
by Boomer ottobre 1, 2017 9:08 am

Abbiamo perso i contatti con il gruppo il 13 aprile 2015, alcuni sono scappati fuori città, altri hanno preferito barricarsi nel proprio appartamento, tutti gli altri sono morti… o quasi morti…

Eppure glielo avevamo detto… venite con noi. Pochi ci hanno ascoltato. Nessuno si è voluto fidare.
Eravamo in 7, quando abbiamo forzato i cancelli dello stadio. Non è stato difficile, sapevamo quali attrazzi sarebbero serviti.
Abbiamo trovato probabilmente il luogo più adatto per ricominciare, ma non ce ne siamo resi conto subito.

Bloccate le entrate e le uscite, e organizzati i turni di guardia, non è stato poi  così diffciile proteggere la nostra nuova casa.
Abbiamo potuto sorvegliare tutta l’area circostante senza difficoltà, non c’è nulla che ostacoli la visibilità intorno allo stadio.
E’ vero che il piazzale si è riempito velocemente di vaganti, ma abbiamo sempre avuto tutto sotto controllo.

Spogliatoi, sala stampa, area snack e soprattutto l’infermeria, sono stati fondamentali per la nostra sopravvivenza. Ci hanno permesso di vivere per quasi due anni, anche se non sappiamo con esattezza che giorno sia. Probabilmente un fottutissimo lunedì mattina.

Come avevamo ipotizzato, il terreno del campo da gioco è risultato indispensabile.

Quando ci siamo barricati non avevamo con noi semenze o piante. Solo poche armi, molti attrezzi e qualche scatola di farmaci. Fortunatamente il fatto che ci trovassimo all’interno dell’area metropolitana, ci ha permesso di condurre le nostre razzie velocemente e senza dare troppo nell’occhio.

Abbiamo subito diversi attacchi negli ultimi mesi… ma non dai vaganti. In molti hanno capito che non c’è posto migliore per sopravvivere. In tanti fin’ora si sono nascosti, ma gli esseri umani non sono fatti per vivere nei buchi. Abbiamo sempre resistito. La conformazione del nostro rifugio permette che la difesa risulti semplice se ben organizzata. Cecchini ai piani alti e subdole trappole ai piani bassi. Certo, abbiamo subito delle perdite, ma chi non le ha avute. Le nostre poi non state causate da irruzioni di vivi o di morti, ma da malattie e stupidità umana.

Ci stiamo preparando ad uscire di nuovo, i gruppi elettrogeni sono a secco, così come le bottiglie di grappa. Pochi rimarranno a salvaguardia del forte.

Col tempo il gruppo è cresciuto. Oggi consta di quindici persone. Tra cui uno zoppo, uno sguercio, ed uno dice solo cazzate, ma era così anche prima dell’apocalisse.

Ci servono carburante, munizioni, detergenti, carta culo, e tutto ciò che è superfluo per il corpo ma non per la mente.

Potrebbe essere il primo e ultimo messaggio dopo il d-day. Non siamo mai stati così spaventati dall’andare in centro a fare shopping. Speriamo questo sia un arrivederci.

I vosti AlterEgo e Boomer

 

 

Trackback URL

Be the first to respond!

Lascia un commento

*


Pagine

Category

Archivi

Iscriviti alla nostra Newsletter !
(Non ti riempiamo di spam !)

VOTACI come "miglior sito Zombie" !

Top List Ranking






© Zombie Day 2017.